Sidebar

  twitter   instagram

 

Cari amici AMMP, 

condividiamo con voi la storia del prozio del presidente Bruno Cavallo, nato al Cielo sei anni prima che lui nascesse, ma grande esempio di fede e di vita per lui e per tutta la sua famiglia. 

Padre GIACOMO CAVALLO 1890-1952

 

Padre Giacomo Cavallo nacque a Prunetto (Cuneo) il 16 luglio 1890.

Nel paese, che oggi ricorda l'illustre figlio e grande missionario con una via dedicata al suo nome, il piccolo Giacomo trascorse gli anni dell'infanzia e fanciullezza, apprendendo dai suoi buoni genitori, Giovanni Cavallo e Maddalena Bertola, l'amore al dovere.    

All'età di 14 anni entrò nelle Scuole Apostoliche presso il Santuario di Mondovì. 

Vestì l'abito chiericale il 2 giugno 1907, e al termine del ginnasio, presentato dal Rettore Rev. Don Airaldi, il 2 novembre 1908 venne accettato nel nostro Istituto.
Emise il primo giuramento decennale il 18 dicembre 1909 e lo rinnovò in perpetuo nella stessa data del 1919. Ricevette il sacro Presbiterato da S. Em. il Card. Agostino Richelmy il 6 giugno 1914.
Durante la prima guerra mondiale venne mobilitato, e servì la patria in vari ospedaletti da campo e territoriali dal 1° giugno 1915 al 29 giugno 1918.

Congedato espressamente per essere inviato in missione, il 25 gennaio 1919 partì per il Kenya, donde, nel marzo successivo, proseguì per la missione di Iringa.

Faceva parte, con i PP. G. Ciravegna e D. Vignoli, guidati dal P. G. Panelatti, della prima spedizione di nostri missionari destinati, a prendere il posto dei Benedettini tedeschi che erano stati deportati a causa della guerra.
Lavorò nelle Missioni di Tosamaganga (1919-1922), Madibira (1922), Njombe nell'Ulanga (1922-1925).

Nel giugno 1925 passò in Somalia, che nel 1924 era stata affidata all'Istituto.

Svolse la sua attività nelle Scuole di Mogadiscio, nella Missione di Villabruzzi e nella fattoria di Casal d’Africa.

Nel novembre 1926 rientrò alla sua Njombe in Iringa. Vi rimase fino al 1930 e passò in seguito a lavorare a Tosamaganga.

Nel 1933 successe al P. Domenico Ferrero nella carica di Superiore Delegato per i Missionari della regione divenuta Prefettura;e alla morte del Prefetto Mons. F. Cagliero (23 ottobre 1935), per mandato di S. E. Mons. A. Riberi, Delegato Apostolico, aggiunse alla precedente carica quella di Vicario Delegato- che esercitò fino alla presa di possesso della Prefettura da parte di Mons. A. Beltramino • (18 febbraio 1936).

Nel 1939 partecipò al 2° Capitolo generale dell'Istituto in cui venne eletto Consigliere generale, e come tale partecipò pure al 3° Capitolo del 1949.

L'anno seguente, il l° gennaio 1950, fu inviato a Palermo in aiuto ai Confratelli addetti alla Chiesa di S. Matteo; ma dall'Arcivescovo della città S. Em. il Card. Ruffini, venne incaricato della predicazione dei Ritiri ai Sacerdoti, e designato Direttore spirituale del Seminario Maggiore, ove prese dimora. Qui, per carcinoma al fegato, chiuse la sua giornata il 31 maggio 1952.CDopo i funerali svoltisi nella Chiesa di S. Matteo e riusciti imponenti per la partecipazione dei Seminaristi, di rappresentanze di Ordini e Congregazioni religiose della città e di numerosissimi fedeli, la salma del P. Cavallo ebbe sepoltura nella tomba privata di una famiglia amica, nel cimitero di Sant'Orsola di Palermo.

P. Cavallo fin da studente si distinse per la sua applicazione e riuscita. Aveva una particolare attitudine per le scienze naturali, ed a lui si deve la prima sistemazione del museo di Casa Madre, che poi sempre ebbe a cuore e incrementò inviando materiale dalle Missioni.Scrisse articoli per la Rivista «Missioni Consolata», un buon numero di manoscritti inediti di vita missionaria e di appunti per la buona formazione del Clero indigeno.

Soprattutto ci lasciò luminosi esempi di virtù apostoliche e religiose.

La sua vita missionaria fu quella del pioniere. Per molti anni la visse in modo veramente eroico nella disagiata, malsana e lontanissima regione dell'Ulanga, e quando la ripresa del lavoro apostolico, dopo il disastro della prima guerra mondiale, era agli inizi.


Pur in mezzo a difficoltà di vario genere, animato com'era da zelo ardente per il bene di quelle popolazioni, P. Cavallo non perse mai la sua giovialità e la sua pazienza. Amava gli africani e generosamente si sacrificava per la loro conversione, e quando battezzati, per la loro perseveranza nella vita cristiana con la pratica delle virtù e la frequenza dei SS. Sacramenti.
Negli anni che trascorse in Africa ebbe una cura particolare del Convento delle Suore Teresine, preparandone la realizzazione con il compianto Mons. Cgliero, e coadiuvando costantemente e con grandissimo impegno il successore Mons. A. Beltramino.
Auspicò sempre una formazione soda e completa dei collaboratori africani, in modo particolare dei seminaristi e dei maestri catechisti, convinto che solo per mezzo di molti di loro si potrà far fronte all'invasione mussulmana e protestante e guadagnare l'intera Africa a N. S. Gesù Cristo.
P. Cavallo ebbe a soffrire nella sua vita per non vedere realizzato, nelle opere e negli individui, quanto il suo ottimismo gli faceva credere di facile conseguimento; ma i suoi progetti tornarono utili per un più approfondito studio delle questioni; ed il lato buono dei medesimi non mancò di consolanti e fruttuosi risultati. A tutti faceva larga parte della sua esperienza quanto gli era possibile.


Negli anni del suo apostolato in Africa e in quelli che trascorse in Italia fu sempre il religioso che, convinto della sua sublime vocazione, ha di mira la propria santificazione. Scriveva al Padre Fondatore: << Uno spirito di sacrificio, di mortificazione bene inteso, profondamente radicato in cuore e amato, mi è parso una delle doti più necessarie a un vero missionario » (21 gennaio 1920).
Figlio affezionatissimo del Can. Allamano inculcava ai Confratelli gli insegnamenti del Padre, e li traduceva in pratica nella sua vita quotidiana. Lo testimoniavano la sua sentita pietà e viva fede; il rispetto e la sottomissione al Superiore dal quale dipendeva scrupolosamente nel suo operare; la fedeltà nell'osservare la regola abbracciata, nel domandare, con spirito di santa indifferenza fino agli ultimi giorni di sua vita, i permessi prescritti.
La sua morte fu degno coronamento della sua santa vita. Con piena lucidità di mente e consapevolezza della sua imminente fine, attese sereno la chiamata di Dio. Preghi la Madonna — gli diceva il Confratello che l'assisteva — siamo all'ultimo giorno del mese di maggio; chieda alla SS. Consolata la. grazia di guarire. No, non forziamo, — rispondeva — quello che vuole la Madonna è sempre il meglio per noi. 
Domandò egli stesso e ricevette con edificante pietà i SS. Sacramenti, rispondendo alle preghiere del sacerdote e alle giaculatorie che dai presenti gli venivano suggerite.

Mostrò profonda gratitudine ai sacerdoti che l'assistevano, al suo confessore P. Onorio dei Carmelitani, al quale, poche ore prima di morire, volle ancora fare l'ultima sua confessione; a S. Em. il Cardinale Arcivescovo, venuto a visitarlo- per portargli con la sua, la Benedizione del S. Padre.
Col sorriso sulle labbra spirò nel bacio del Signore.
La Madonna Mediatrice di tutte le Grazie, che P. Cavallo nelle conferenze tenute a Torino ai Legionari di Maria tanto aveva celebrato adorna di questo singolare privilegio, nel giorno della sua festività concedeva a questo suo devoto la grazia finale di una santa morte, e ne introduceva l'anima bella nel Regno della luce e della pace.

RIFERIMENTI:

Ufficio Anagrafe.

« Bollettino Ufficiale , - n. 15.

« Missioni Consolata » - luglio 1952. « Da Casa Madre » - luglio 1952. Manoscritti del Defunto.

"Un torneo di calcio, la Rondine Cup, tra squadre composte da minori stranieri e richiedenti asilo, in programma nell’ambito delle iniziative cittadine del prossimo 20 giugno per la Giornata Mondiale del Rifugiato.La manifestazione sportiva è organizzata dalla Comunità di accoglienza per minori stranieri del Cooperativa Sociale Gruppo Arco , Casa Rondine, in collaborazione con i Servizi sociali della Città di Torino, il Sistema Protezione Richiedenti Asilo Rifugiati (Sprar) e l’associazione Maria Madre della Provvidenza."

LEGGI L'ARTICOLO:

http://www.ilnazionale.it/2018/06/13/leggi-notizia/argomenti/eventi-e-turismo/articolo/rondine-cup-un-torneo-di-calcio-il-20-giugno-per-celebrare-la-giornata-mondiale-del-rifugiato-1.html

disagiosociale 390914

 

Nel 2017 sono circa 5 milioni gli italiani in povertà assoluta, l'8,3% della popolazione residente, in aumento rispetto al 7,9% del 2016 e al 3,9% del 2008. 

Sono i dati forniti dal presidente dell'Istat, Giorgio Alleva, nell'audizione sul Def. Le famiglie in povertà assoluta, secondo stime preliminari, sarebbero 1,8 milioni, con un'incidenza del 6,9%, in crescita di sei decimi rispetto al 6,3% del 2016 (era il 4% nel 2008).
Sempre nel 2017 in 1,1 milioni di famiglie italiane "tutti i componenti appartenenti alle forze di lavoro erano in cerca di occupazione", pari a 4 famiglie su 100, in cui non si percepiva dunque alcun reddito da lavoro, contro circa la metà (535mila) nel 2008, ha inoltre sottolineato il presidente dell'Istat. "Di queste, - ha proseguito - più della metà (il 56,1%) è residente nel Mezzogiorno. Nel complesso si stima un leggero miglioramento rispetto al 2016 (15 mila in meno), ma la situazione al Sud è in peggioramento (13 mila in più)".
Secondo il presidente dell'Istat, l'impatto delle tensioni commerciali innescate dall'imposizione dei dazi Usa potrebbe costare 0,3 punti di Pil. "Uno dei principali fattori di rischio evidenziati nel Def riguarda l'impatto sulla crescita dell'inasprirsi delle tensioni commerciali", ha sottolineato Alleva.
"La dinamica più contenuta degli scambi internazionali - ha osservato il presidente dell'Istat - influirebbe negativamente sulla crescita complessiva del sistema economico, determinando una diminuzione del Pil di 0,3 punti percentuali rispetto allo scenario base: le esportazioni registrerebbero un rallentamento significativo, diminuendo di 1,1 punti, le importazioni di 0,3 punti. I risultati ottenuti sono in linea con le simulazioni riportate nel Def". 

 
 
Articolo originale (di cui abbiamo riportato testo ed immagine): sono-5-milioni-gli-italiani-in-poverta-assoluta-201805091150017782
 

ELENCO SUPERMERCATI RACCOLTA ALIMENTARE

 

SABATO 05 MAGGIO 2018

  1. CARREFOUR MARKET VIA S. DONATO, 11 TORINO
  2. “ “ CORSO ROSSELLI, 110 TORINO
  3. “ “ VIA CAVOUR, 127 ALPIGNANO
  4. “ “ VIA SPANNA, 1/25 GRUGLIASCO
  5. “ “ VIA STRADELLA, 192/194 TORINO
  6. “ “ VIALE FASANO, 8 BIS CHIERI
  7. “ “ CORSO SIRACUSA, 73/C TORINO
  8. “ “ CORSO CADORE, 43 TORINO
  9. “ “ VIA AGRICOLA, 6/8 TORINO
  10. “ “ VIA GORIZIA, 82 TORINO
  11. “ “ VIA C. COLOMBO, 43 TORINO
  12. “ “ VIA TRIPOLI, 5 TORINO
  13. “ “ VIA BORSI 123/A TORINO
  14. CARREFOUR IPER CORSO MONTECUCCO, 108 TORINO
  15. CARREFOUR IPER VIA CACCIATORI 111 NICHELINO
  16. PAM VIA INDIPENDENZA,50 RIVAROLO CANAVESE
  17. PAM CORSO SEBASTOPOLI, 227 TORINO
  18. PAM VIA CHIERI, 96 PINO TORINESE
  19. PAM CORSO POTENZA, 60 TORINO
  20. PAM VIA PORPORA, 38 BIS TORINO
  21. PAM CORSO RACCONIGI, 236/A TORINO
  22. PAM CORSO ORBASSANO, 212 TORINO
  23. PAM CORSO COSENZA, 46/B TORINO
  24. PAM VIALE PIEMONTE, 32/34 COLLEGNO
  25. PAM VIALE EUROPA, 22 LEINI’
  26. PAM CORSO SVIZZERA, 52 TORINO
  27. PAM VIA SALBERTRAND, 67 TORINO
  28. PAM CORSO TRAIANO, 58 TORINO
  29. PAM VIA SAN PAOLO, 36 TORINO
  30. PAM P.ZZA E. FILIBERTO, 12 TORINO
  31. INS VIA BOSTON, 112/B TORINO
  32. INS VIA GAIDANO, 15/A TORINO
  33. INS VIA SAGRA SAN MICHELE, 56 TORINO
  34. INS CORSO UMBRIA, 45 TORINO
  35. INS VIA ISONZO, 78 BIS TORINO
  36. INS PIAZZA MODENA, 16 TORINO
  37. MD DISCOUNT CORSO REGINA MARGHERITA, 65 TORINO
  38. MD DISCOUNT CORSO POTENZA, 155 TORINO
  39. BORELLO VIA GIOLITTI, 16/D TORINO
  40. CARREFOUR EXPRESS VIA ARCIVESCOVADO, 1 TORINO
  41. CARREFOUR EXPRESS VIA MONTE DI PIETA’, 24 TORINO
  42. CARREFOUR EXPRESS VIA CAVOUR, 10 TORINO
  43. CARREFOUR EXPRESS VIA CIALDINI, 27 TORINO
  44. CARREFOUR EXPRESS VIALE MARTIRI DELLA LIBERTA', 4 LANZO T.SE
  45. COOP CORSO MOLISE, 7 TORINO
  46. CARREFOUR EXPRESS VIALE REGINA ELENA 16 GIAVENO
  47. CARREFOUR EXPRESS VIA CANONICO PIO ROLLA 51 GIAVENO
  48. CARREFOUR EXPRESS PIAZZA S. LORENZO, 5 GIAVENO
  49. CRAI PIAZZA MARITANO,12 GIAVENO
  50. EUROSPIN VIA PIRANO, 31 TORINO
  51. CRAI VIA BORGARO, 50 TORINO
  52. MERCATO’ VIA GAIDANO, 125 TORINO

    SABATO 12 MAGGIO 2018

  1. IL GIGANTE VIA CIGNA 97 TORINO 
  2. IL GIGANTE CORSO MORTARA, 4 TORINO 
  3. IL GIGANTE STATALE COLLE TENDA LA LOGGIA 
  4. IL GIGANTE CORSO INDIPENDENZA ,74 RIVAROLO 

Carissimi amici,      

abbiamo il piacere di invitarvi all’inaugurazione della nuova sede operativa AMMP di  

BURONZO (VC)  Via Strada Buronzina  - Cascina Rucella snc

 Il giorno SABATO 19 MAGGIO alle ore 15.00

Programma:

 ore 14.30 ritrovo                                                                    

 ore 15.00 celebrazione S. Messa                                                  

 ore 17.00 rinfresco

Prenotazione obbligatoria entro il giorno 10 maggio telefonando a:

Rita Mechelli    cell. 347 8888928

Bruno Cavallo   cell. 335 6899995

VI ASPETTIAMO!

 

 

 

                                                                                                                                                                             

Condividiamo con piacere il video dell'IID attualmente in trasmissione sui canali Sky. Cogliamo l'occasione per ricordare che l'Associazione Maria Madre della Provvidenza onlus, con attestato numero 2008/06 è Socio dell'Istituto Italiano della Donazione che ne verifica la trasparenza a tutela del donatore. Il marchio "Donare con Fiducia" indica che l'organizzazione Non Profit che lo possiede rispetta alti standard internazionali e mette al centro del proprio agire trasparenza, credibilità ed onestà. L'Istituto Italiano della Donazione (IID) verifica annualmente la correttezza gestionale dei suoi Soci e l'uso chiaro e trasparente dei fondi raccolti. Per questo motivo il marchio IID è prova di certa qualità e affidabilità.

Cari amici AMMP,
Come sapete ci impegniamo nel sostenere valori altamente sociali ed etici. Per questo motivo vi consigliamo questo sussidio con MBA poiché non si tratta né di una banca né di un’assicurazione, ma di una società di mutuo soccorso senza scopo di lucro, volta ad offrire un  servizio reale a prezzi eccezionali.
Inoltre MBA devolverà una piccola percentuale all’associazione Maria Madre della Provvidenza per il progetto "I cinque pani" a sostegno delle mense per i poveri.

 

MBA È UNA SANITA’ INTEGRATIVA PRIVATA

  • a) MBA è una Società di Mutuo Soccorso. La sigla MBA sta per: Mutual Basis Assistance.
  • b) MBA non è una Banca e nemmeno una Compagnia Assicurativa. E’ una Società di Mutuo Soccorso con un forte impegno sociale.
  • c) MBA non ha fini di lucro ed ha un grande valore etico e sociale. Le garanzie prestate dal sussidio TOTAL CARE di MBA sono 32.
  • d) Quando si aderisce ad un “sussidio mutualistico sanitario (TOTAL CARE) si diventa automaticamente SOCI di MBA.
  • e) Il TOTAL CARE di MBA è detraibile in sede di dichiarazione dei redditi nella misura del 19% così come disposto dall’Art. 15 TUIR.
  • f) Il TOTAL CARE di MBA non ha un limite di età per sottoscriverlo, mentre nelle Compagnie Assicurative le Polizze Sanitarie hanno un limite a 70 anni (in alcune a 65).
  • g) Nelle Polizze Sanitarie delle Compagnie Assicurative il costo annuo per un nucleo familiare (marito, moglie e due figli) varia da 5.000,00 Euro a 7.000,00 Euro. Il TOTAL CARE di MBA per un nucleo familiare costa all’anno Euro 2.000,00 + una quota associativa e un contributo associativo di base di Euro 65,00 per un totale complessivo di Euro 2.065,00, che include anche un massimale per le visite specialistiche e le cure dentarie da malattia
  • h) Il TOTAL CARE di MBA ha un costo reale inferiore (grazie al 19% di detrazione fiscale).
  • i) Il TOTAL CARE di MBA ha un rimborso per i grandi interventi fino ad un massimale di Euro 150.000,00 e prevede la possibilità di effettuare check up sanitari, ricevere rimborso di ticket, esami di alta diagnostica e piccoli o medi interventi.
  • j) Il TOTAL CARE di MBA dopo il terzo anno di adesione, tutela anche le malattie pregresse.

Scarica la lettera

Leggi le nuove garanzie TOTALCARE 2018 

Richiedi informazioni: lascia i tuoi dati e sarai ricontattato

Presentazione Campo Estivo AMMP Cesana 2018
 
Venerdì 16 Marzo, ore 19:30 - Scuola Madre Mazzarello (via Cumiana 2, Torino)

Durante la serata presenteremo il nuovo campo estivo di Cesana 2018 (16-28 Luglio 2018) oltre a gustare dell'ottima e abbondante pizza. 
 
L'evento si terrà alla scuola Mazzarello in via Cumiana 2, a partire dalle 19.30. Sarà una serata di festa e di informazioni utili per il prossimo campo, soprattutto per i nuovi. L'offerta minima per la pizza sarà di 7,50€. 
 
Per adesioni: Comunicare il numero esatto di persone alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure a: 
Francesco Deaglio via whatsapp o SMS al numero 3773141223 
Lorenzo Gerbi via SMS al numero 3806897023
 
 
 
 

Appuntamenti

Ven Set 21 @16:00
PELLEGRINAGGIO A Medujugorje - sede di Torino
Appuntamenti Ammp
Ven Set 28 @08:00
Pellegrinaggio a Medjugorje
Sant'Angelo Lodigiano
Lun Ott 01 @08:00
PELLEGRNAGGIO A MEDJUGORJE -sede di Buronzo
Appuntamenti Ammp
Sab Ott 06 @08:00
RACCOLTA ALIMENTARE #DonoDay2018
Appuntamenti Ammp
Dom Ott 14 @08:00
PELLEGRINAGGIO ALLA MADONNA DELLE ROSE di SAN DAMIANO PIACENTINO
Appuntamenti Ammp

AGENDA APPUNTAMENTI

RICHIESTE D'AIUTO

#ILDONOXME

fotogallery
LEGGI IL COMMENTO AL VANGELO DI QUESTA DOMENICA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ti invieremo ogni mese gli aggiornamenti sulle nostre attività e i nostri appuntamenti